The elusive displacement current

James_Clerk_Maxwell_lrg

In 19th century Scottish physicist James Clerk Maxwell laid the foundations for modern electromagnetism theory by grouping in a single theory all the previous observations, experiments and equations attributable to such phenomenon. It demonstrates that light, electricity and magnetism are all manifestations of a single phenomenon: the electromagnetic field. Maxwell summarized Michael Faraday’s and Andre-Marie Ampere’s works in four differential equations today simply known as Maxwell’s equations. They consider the existence of electromagnetic waves, whom speed was measured to be 310.740 Km/s by Maxwell according to data available at his time. From this result he deduced that light itself could be a form of electromagnetic wave, since both speed were almost identical.

In order to completely describe the behavior of the electromagnetic field through his equations Maxwell had to postulate the existence of a phenomenon called displacement current. The physicist theorized that the variation of the electric field alone was sufficient to generate a magnetic field in an insulating media, whose molecules are stimulated to deform, thus producing a charges movement: the displacement current.

Usually to describe the displacement current it’s taken as example the behavior of the electromagnetic field in a circuit composed by a flat capacitor (Fig 1. in green) traversed by a variable current.

displ
Figure 1: Displacement current in a flat capacitor

The current (i) flows in the electrical wires but not in the capacitor so, according to Ampere’s law, a magnetic field (B) is formed only around the wires, with an interruption in the zone around the capacitor. The displacement current, which has the same intensity of the current i that flows in the circuit, creates an induced magnetic field with its force lines concentric and perpendicular to electric field (E) inside the capacitor and identical to those generated around the wires. Once the capacitor is charged the system condition becomes stationary: the current flow stops and the electric field E between the plates reach its maximum and constant value, causing the magnetic fields to collapse.

Given the nature of the PNN engine, which works by exploiting Lorentz forces generated in a capacitor, it was unavoidable that ASPS would have had the need to take tests and measurements regarding the effects of the displacement current in the system operation. Its conclusion is simply baffling: such phenomenon does not exist!

Association’s theory in fact is the following: “only something similar to the electric field propagates in the vacuum and when it hits a conductive material it makes its charges to oscillate, thus generating the magnetic field“.

For a brief recap: if for Maxwell the magnetic field inside a capacitor is generated by the moving charges of a dielectric material, for ASPS it’s generated by the oscillation of the charges in the conductive material stimulated by the electric field;  in PNN case it could be the coils around the capacitor plates.

The assertion that it’s only the electric field who propagates in vacuum implies the existence of a transmission media today treated as a skeleton in the closet by scientific community but accepted by Maxwell himself: the luminiferous ether. Without it and the displacement current in fact the propagation of electromagnetic waves would violate the energy conservation law.

Even if I’m not a physicist I can realize that an eventual confirmation would have devastating consequences in the scientific world, because it would be forced to revise more than a century of its work. Over the years Laureti has explained online, by proposing calculations and measurement procedures, the reason why he rejects the displacement current theory but after TDS-VF2 was presented in 2013 he removed all material from ASPS homepage for safety reasons.

However in support of ASPS’s theory today remains a single yet very explicative fact: since over 150 years after its conception the displacement current has never been measured experimentally! The academic world has produced over the time elegant mathematical theories but apparently any practical result, while over the Internet there are a lot of students and amateur scientists who are searching, or proposing, measurement methods for this elusive current.

After violating Newton’s first and third principle will it be time for PNN to tear down another pillar of science? To know the truth we’ll have to wait until 2017, when the Association has planned to make public the know-how of the engine as soon as the patent will be granted.

Advertisements

7 thoughts on “The elusive displacement current

  1. Looking forward to the PNN engine being revealed in 2017.

    A lot of what has been mentioned here about Maxwell, electromagnetic waves and a rewrite of the last 150 years of fundamental physics has much parallel to the Electric Universe model. When the Old Guard steps down, I see many awakenings to occur in the realm of scientific understanding.

    Like

    1. Hi Erik,
      I didn’t know about the Electric Universe model. I’m going to read more about it.
      Yes, I think too that there will be a lot of awakenings in scientific world.. and I think it will be a rude one for some member of the Old Guard 🙂

      Like

  2. Egr. Sergio Z.

    Ormai io sono schierato su due fronti quello in cui il fantasma di Maxwell i.e. displacement current esiste e quello per cui non esiste

    Il primo fronte è quello che il campo magnetico da displacemet current esiste e che può quindi essere utilizzato per produrre
    forza di Lorentz F e quindi spinta e reactionless drives, attraverso l’elementare relazione F=i*l*Bd
    (i= corrente in frequenza , l = tratto di filo in cui scorre corrente, Bd= campo magnetico da displacemet current ) come indicato in http://www.asps.it/D2k_def.jpg dove il condensatore a tre dischi http://www.asps.it/mx6a.jpg va “teoricamente” alla grande come motore pnn da dispacement current 🙂
    Se esistesse come asserisce il matematico non sperimentale Maxwell con tale Bd sarebbe infatti possibile costruire motori pnn con il campo magnetico da displacement current.

    Ho cercato inutilmente in un lungo thread in free.it.scienza.fisica
    https://groups.google.com/forum/?hl=IT#!topic/free.it.scienza.fisica/tE-wZNd5M94%5B251-275%5D
    di far parlare i credenti in Maxwell dei dati sperimentali che certificano l’esistenza di Bd.
    Per i credenti in Maxwell Bd è una verità rivelata e esiste indipendentemente dalla sua misura 🙂

    A onor del vero non sono stato il solo a pensare che Bd potesse essere utilizzato a fini pnn perché anche altri credevano che fosse utilizzabile a fini propulsivi
    Infatti già nel 1901 (Nova Astronautica n.139 , 2014 pag 22 ) veniva detto “…..In 1901, Henri Poincaré pointed out that the Newton’s third law is violated if the displacement current does exist … This conjecture implicates that, according to Maxwell’s equations, a net propulsion force can be generated from electromagnetic interaction……”
    (H. Poincaré, Électricité et Optique (Paris: G Carré et C Naud), 1901, pp 465-6)
    Per il bene dell’umanità a cui siamo obbligati nel fare riferimento per giustificare ogni
    potenziale rivoluzione scientifica o errore , dal 2013 ho pubblicato tale principio di funzionamento in http://www.calmagorod.org/pnn-la-sua-genesi/
    Migliaia di persone dal 2013 hanno visitato il sito http://www.calmagorod.org
    e probabilmente le astronavi con la propulsione da displacement current da tempo viaggiano verso Marte solo che sono solo io a non vederle 🙂

    Vorrei dire che i fans di Maxwell sono ammutoliti di fronte a questa elementare osservazione sovente riportata nei misuratori di campo elettrico e magnetico delle onde elettriche sedicenti pure magnetiche :

    For radio waves, magnetic field strength is proportional to electric field strength. Therefore only electric or magnetic need be measured.
    L’essenza del problema è in quell’ OR i.e. “only electric or magnetic need be measured”
    Nei misuratori di campo e.m. solo a basse frequenze (100 Khz) si ha AND al posto di OR . a maggiori frequenze misurano solo il campo elettrico E e Bd lo calcolano e NON lo misurano!
    Cioè non vanno a misurare che un Bd = 1 milligauss corrisponde COME MISURA E NON CALCOLO
    a un campo elettrico di 30 volt/metro !
    Purtroppo per loro la censura o l’ignoranza Maxwelliana sui trifield meter non è eccessiva tant’è che in “another section of the meter detects AC electric fields, which can exist independently of AC magnetic field “ 🙂
    From : https://www.trifield.com/content/trifield-broadband-meter/

    Per il secondo fronte pnn non voglio fare Cicero pro domo sua e vi prego di attendere pazientemente entro tutto il 2017.

    Saluti
    E.Laureti

    Like

    1. Egregio Emidio,

      come sempre il tuo commento è gradito, hai aggiunto molta carne al fuoco all’articolo.

      Non ho capito bene il fronte pro corrente di spostamento: Poincarè dice che con la corrente di spostamento la terza legge è violata.. ma non è proprio la sua esistenza a rendere la PNN teoricamente impossibile? Ammettendo che il campo magnetico sia emesso dal dielettrico non ci sarebbero problemi a controllarlo per generare una forza di Lorentz in un momento preciso? Per come l’ho capita si lavora agli estremi del condensatore per generare e sfruttare l’alternanza di cariche, se si lavora nel mezzo il trucco non funziona. Lo scrivo pensando all’esempio descritto su Calmagorod (“Qualche volta non vale”) dove le cariche tra le piastre si alternano al momento opportuno: la spinta sulle piastre c’è proprio perchè l’energia del campo elettrico va diretta alla piastra opposta, se ci fosse il campo magnetico da cds invece ci sarebbe una specie di “rumore” magnetico che annullerebbe eventuali effetti di spinta. Ho capito male?

      Ho iniziato a leggere la discussione che hai fatto su free.it.scienza.fisica ma è davvero lunga.. mi prendo un pò di tempo per leggerla con più calma 🙂
      Comunque da una lettura superficiale ho notato che si parla molto di teoria ma di pratica poca..forse non è un caso che chi ti ha dato ragione è gente che ha provato a cercare sperimentalmente la corrente di spostamento.

      Like

      1. Sarebbe troppo lungo risponderti data le molte questioni che tu esponi.

        Ti dico solo questo : il mio compito è sempre stato:

        1) Proteggere il know-how vero della pnn operativa dalle copiature già fatte
        http://www.asps.it/apensar.htm
        , ovvero far copiare ai copiatori quello che voglio io e non quello che vorrebbero loro 🙂
        La corrente di spostamento è ottimale in questa prospettiva dato che da 150 anni circa nessuno ha misurato il suo campo magnetico 🙂

        2) Ho creato questo sito http://www.calmagorod.org proprio per far sperimentare ai seguaci di Maxwell se sono vere le congetture teoriche che il matematico Maxwell ha creato. E nessuno mi ha mai contestato che il prototipo a 3 dischi lì descritto non funzionasse a livello teorico dato che dovrebbero contestare prima di me Maxwell 🙂

        3) La pnn operativa è un altra cosa, che verrà comunicata nel 2017 dopo manifestazioni pnn e deposito brevetto internazionale

        Saluti

        E.Laureti

        Like

  3. Capito.. in pratica manca un elemento chiave, che giustamente tieni al sicuro dietro la corrente di spostamento, per far quadrare la spinta PNN.
    Posso chiederti cosa accadrebbe a chi provasse a replicare la PNN con le informazioni che hai rilasciato? Otterrebbe pochissima spinta tipo EmDrive o proprio zero?

    Like

    1. per me non otterrebbero nulla circa la spinta dato che nel lungo thread su free.it.scienza.fisica i fans di Maxwell scappano quando gli si chiede NON il CALCOLO del campo magnetico Bd della displacement current ma la SUA MISURA.
      E non sono il primo e il solo a pensare che Bd NON esiste http://www.asps.it/miller00.pdf
      E ho sempre detto che sono sempre stato aperto a cambiare opinione circa il fatale campo magnetico Bd basta che mi dicano dove trovare le misure 🙂
      In fisica purtroppo vige il concetto brutale ,elementare e fondamentale che solo ciò che è osservabile
      (leggasi misurabile) è reale.
      Ora di fronte al disprezzo dei mateficentometrici (matematici sedicenti fisici) del più elementare dei principi fisici l’unico modo è punirli e confonderli attraverso le idiozie indimostrate in cui credono 🙂

      Saluti

      E.Laureti

      Liked by 1 person

Welcome visitor, please share your thoughts. English is better but Italian is accepted. If you want to learn more about ASPS please have a look at the blog menu

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s